26.11.17

ANTICHE LEGGENDE DI VENAS DI CADORE

Riporto su questo mio Blog CADORIN BOOKS, che è un po’ più conosciuto di quello originale TESTIMONIANZE LADINE, alcune leggende di Venas da me recuperate, digitalizzate in dialetto e tradotte in italiano.



LE DAME DA CIARPÀ
LE SIGNORE DI CIARPÀ


Tutte le leggende sono state tratte da una tesi di laurea del 1943 di Rosetta Palmieri [1]



Sote dei nostre vece, a Ciarpà, inte an bel castel, stasèa ancuante dame, che chi da Venas i pensèa che fusse le fate da bele che le era. Cuan che le ienìa a Venas par dì a messa la domenega, chi che le incontrèa i se tirèa da na parte, par le lassà passà, ma anca par le puodé vede polìto, che le era sempre vestide da bianco, coi ciavei bei bionde e longe, scarade par le spale, che cu al sol al petèa, i parèa dute de oro. Cuan che le arguèa davante a la césa, i tachèa a sonà l'ultima.
Al tempo dei nostri vecchi, a Ciarpà[2], dentro un bel castello, stavano alcune dame, che quelli di Venas pensavano fossero le fate da belle che erano. Quando venivano a Venas per andare a messa la domenica, chi le incontrava si tirava da una parte, per lasciarle passare, ma anche per poterle vedere bene, che erano sempre vestite di bianco, coi capelli belli biondi e lunghi, sparsi sulle spalle, che quando il sole picchiava, sembravano tutti d'oro. Quando arrivavano davanti alla chiesa, iniziavano a suonare l'ultima [=ultimo suono prima della messa].

[2] Ciarpà: località tra Cibiana e Venas




AL BUS DE LA DONAẐA
L'ANTRO DELLA "DONAZA" [1]  [4]


Sun chel monte che l'é davante de Venas e propio inte chel ruó de la "Costa del Pioàn" scavada inte la croda viva, l'é na caverna longa tante metre che i ciamon "Al Bus de la Donaẑa".
I conta i vece che na ota, dó in Sarenaẑe, taren an grun bon e vèieto, l'era anca na vena de oro.
I pì brae e inteliiente omin de Venas i se à betù al laoro par tiràsselo fora, e con chel fei sior al sò paés, come dute i omin i à avù inte al pensier in dute i tempe.
Ma chesto bel insonio no 'l se à podù avierà, parché con duta la bona volontà che i se à betù, dopo che i à avù studià e laurà dì, stemane, mes, i à cognù se persuade che l'era dute fadìe e sudor buciade via parché cuan che i tornèa sul laoro, i se ciatèa duto desfà.
'Sto mistero l'é durà an toco ẑenẑa che nissun capisse nia e finalmente i à pensà che i fusse carche magìa de medo. I se à betù de guardia e via par la nuote i à vedù ienì fora da na caverna de fronte an gran auẑèl co 'n beco longo longo, ma co i braẑe e le iambe da femena, che passèa su la Buoite, an tin solan [∫olàn], an tin caminàn, la dèa sul laoro e la se portèa via duto chel che la puodèa e la desfèa duto al laoro.
I se à proà a ciapàla, ma cu i era davesìn, la i sparìa; e alora i à pensà de tuói consilio da na fata. La fata l'à i à dito che nissun podèa tirà fora l'oro da chel prà, parché l'era strià, e che parona l'era chela che 'n ota l'era na gran belona e superba tosa de Venas, e che par la sò beleẑa e siorìa, ma nia bona e de carità, la era striada e condanada a vive da Donaẑa inte chel bus.
E cossì la é stada che chel oro l'é ancora inte le crode e che chel bel prà pien de fiore, a forẑa de dì in bóa, se à ridoto cuatro crepe sul filon de la Buoite.
Su quella montagna che è davanti a Venas e proprio in quel luogo della "Costa del Pioàn"[2] scavata nella roccia viva, c'è una caverna lunga molti metri che chiamiamo il "Bus de la Donaẑa".

Raccontano i vecchi che una volta, giù in "Sarenaẑe"[3], terreno molto buono e fertile, c'era anche una vena d'oro.
I più bravi e intelligenti uomini di Venas si sono messi al lavoro per tirarselo fuori, e con quello fare ricco il suo paese, come tutti gli uomini hanno avuto nel pensiero in tutti i tempi.

Ma questo bel sogno non si poté avverare, perché con tutta la buona volontà messa, dopo aver studiato e lavorato giorni, settimane, mesi, hanno dovuto persuadersi che erano tutte fatiche e sudori gettati via perché quando tornavano al lavoro, si trovavano tutto disfatto.

Questo mistero durò un pezzo senza che nessuno capisse niente e finalmente pensarono che ci fosse qualche magia di mezzo. Si misero di guardia e durante la notte videro venir fuori da una caverna un grande uccello con un becco lungo lungo, ma con le braccia e le gambe da donna, che passava sul Boite, un po' volando, un po' camminando, andava sul lavoro e si portava via tutto quello che poteva e disfaceva tutto il lavoro.


Provarono a prenderla, ma quando era loro vicino, spariva loro; allora pensarono di prendere consiglio da una fata. La fata disse loro che nessuno poteva tirar fuori l'oro da quel prato, perché era stregato, e che padrona era quella che una volta era una grande bellona e superba ragazza di Venas, e che per la sua bellezza e ricchezza, ma niente (=affatto) buona e caritatevole, era stregata e condannata a vivere da "Donaza" in quell'antro.


E così è stata che quell'oro è ancora nelle rocce e che quel bel prato pieno di fiori, a forza di andare in frana (=di franare), si è ridotto (a) quattro dirupi in riva al Boite. 


[1], [2], [3] "Bus de la Donaẑa" , "Costa del Pioàn", "Sarenaẑe" : località di Venas
[4] Donaza [do-nà-ẑa] Figura mitica terrifica femminile, propria delle Dolomiti, che si sposta nel cuore della notte per dispensare doni o punizioni.






L'ORCO DE LA NUOTE
L'ORCO DELLA NOTTE



Cuan che le nostre bisnone le se ingrumèa inte i filò par filà la lana e la stopa, le contèa che carche òta via par la nuóte capitèa l'orco che sautèa su par i cuerte e al se godèa de bucià duto par aria, al tirèa de mal le roche e i fusèi, l'ingropèa dute i file dei ièn, parché l'indoman chele babe le fasesse confusion.
Quando le nostre bisnonne si radunavano nei "filò" per filare la lana e la stoppa, raccontavano che qualche volta durante la notte capitava l'orco che saltava sui tetti e si godeva a buttare tutto per aria, gettava via le rocche e i fusi, aggrovigliava tutti i fili dei gomitoli, perché l'indomani quelle donne (spregiativo) facessero confusione.






AL CAVALIER  DALL'ASTA
IL CAVALIERE  DALL'ASTA


 
Conta la leienda che n'ota a Venas fusse stà an posto ònde che se ingrumèa le strie e i strioi a se fèi i sò conẑiliabui e i fasèa anca dàn a la dente. L'é ienù in reia sta roba a 'n brao cavalier dei Dall'Asta, e chesto l'à pensà de destrude sti strioi e salvà cossita anca al so paés da tanta scarogna.
Inforcià che l'à avù an bel ciaval duto fuó, l'é dù davante a la ciasa, onde che proprio in che dì i strioi era ingrumade e al se à tirà su la porta co la so spada inte man proprio par inpirài un par un, cuan che i ienìa fora.
Ma i strioi i s'avèa inacorto che l'era là e i s'à armà dute anca lori a ciapàlo, ma chel brao guerier ẑenẑa paura de nissun, l'à spronà al ciaval, che co 'n sauto l'à bucià inte la porta, al i é dù sora, al i à balegade, intan che al sò paron menèa la spada da dute i vers, finché al i a avude destrute dute e cossita Venas l'é stà liberà da le striarie.
Ancora anca adès su la lasta de chel porton se vede al stampo del fer da ciaval, che dal sauto che l'avèa fato, al la avèa calcada.
Racconta la leggenda che una volta a Venas (ci) fosse stato un posto dove si radunavano le streghe e gli stregoni a farsi i loro conciliaboli e facevano anche danno alla gente. Venne in orecchio questa cosa ad un bravo cavaliere dei Dall'Asta, e costui pensò di distruggere questi stregoni e salvare così anche il suo paese da tanta sfortuna.

Inforcato che ebbe un bel cavallo tutto fuoco, andò davanti alla casa, dove proprio in quel giorno gli stregoni erano raccolti e si mise sulla porta con la sua spada in mano proprio per infilzarli uno per uno, quando venivano fuori (=uscivano).]

Ma gli stregoni si avevano (=erano) accorti che era lì e si sono armati tutti anch'essi per prenderlo, ma quel bravo guerriero senza paura di nessuno, spronò il cavallo, che con un salto buttò dentro (=sfondò), andò loro sopra (=li travolse), li calpestò, mentre il suo padrone girava (=roteava) la spada per tutte le direzioni, finché li ebbe distrutti tutti e così Venas fu liberato dalle stregonerie.

Ancora adesso sulla pietra di quel portone si vede l'impronta del ferro di cavallo, che dal salto fatto, la aveva incisa.
   


AL IOU DE LA SCANDOLA
IL VALLONE DELLA "SCANDOLA" [=Assicella di legno per i tetti]



I conta i none na bela leienda del monte Rite che al se ciata intrà medodì e sera de Venas. Su le so coste l'era na ciasa ònde che stasèa le strie, e dintorno del foghèr le filèa col corleto al filo e la lana.
An ẑerto ponto le à tolto an ongento, le se à ben onto, e le à dito: "Onto, bisonto, su la ciadena monto, a Rite vao e cà torno". Le se à tacà su la ciadena del fogher e le é sparide.
An òn che le stasèa a spià inte par finestra e che avèa vedù e sientù duto, l'é dù anca el inte chela ciasa , al se à onto e l'à dito: " Su la ciadena monto e a Rite vao", ma al s'à desmenteà de dì: "E cà torno". Anca el al se à tacà su la ciadena e inte 'n vede no vede al se à ciatà su la ponta del Rite, e là l'era anca le strie, che a védelo le é sparide, e l'é restà solo.
Alora i é ienù in mente che no l'avèa dito come ele: "E cà torno" cuan che al se avèa tacà su la ciadena. L'à vardà dintorno par vede come che al puodèa tornà dó, ma daparduto l'era solo che iaẑa e nieve parché l'era d'inverno.
Spasemà che i tociasse morì la su iaẑà, l'à tornà a vardà; varda e revarda, finalmente l'à vedù na roba negra; l'é coresto e l'era na scandola, al se à sentà sora e l'é ienù dó par al iou, fin ché l'é arguà a ciasa con gran marevea de le strie. Chel iou da in chel 'òta i lo ciama "Iou de la Scandola", che al se ciata da la parte del Rite che varda Vodo.
Raccontano i nonni una bella leggenda del monte Rite che si trova a sud-ovest di Venas. Sulle sue pendici c'era una casa dove stavano le streghe, e attorno al focolare filavano coll'arcolaio il filo e la lana.

Un bel giorno presero un unguento, si unsero bene, e dissero: "Unto, bisunto, sulla catena monto, a Rite vado e qui torno". Si attaccarono alla catena del focolare e sparirono.

Un uomo che le stava spiando attraverso la finestra e che aveva visto e sentito tutto, andò anche lui in quella casa, si unse e disse: "Sulla catena monto e a Rite vado", ma si dimenticò di dire: "E qui torno". Anche lui si attaccò alla catena e in un attimo si trovò sulla cima del Rite, e lì c'erano anche le streghe, che a vederlo sparirono, e rimase solo.


Allora gli venne in mente che non aveva detto come loro: "E qui torno" quando si era attaccato alla catena. Guardò attorno per vedere come poteva tornare giù, ma dappertutto c'era solo ghiaccio e neve perché era d'inverno.

Spaventato che gli toccasse di morire lassù gelato, tornò a guardare; guarda e riguarda, finalmente vide una cosa nera; corse ed era una scandola, si sedette sopra e venne giù per il vallone, finché arrivò a casa con grande meraviglia delle streghe. Quel vallone da allora è chiamato "Iou della Scandola", che si trova dalla parte del Rite che guarda Vodo.