28.10.17

“SU E ZO PER VENAS . . . .” Strofette Comico - Satirico - Umoristiche di Arnaldo Sartori (~1930)



Il Signor Giancarlo Dall’Asta “de Medo” mi ha gentilmente consegnato un foglio in cui è riportata un’opera satirica di Arnaldo Sartori composta da 38 “strofette” dal titolo sopra riportato e scritta in veneto.
L’opera mi era già nota, come noti mi sono molti dei personaggi trattati. Ho cercato notizie sull’autore, un Arnaldo Sartori fu effettivamente scrittore umoristico attivo nella prima metà del  ‘900. Se si tratta, come immagino, della stessa persona, di lui si ricordano le seguenti opere:

- IL DOPPIO GUERINO di CHIARAVALLE. Almanacco astrologico artistico... insetticida... docimastico polimuse antifillosserico disoppilante... carminativo...
Milano 1920
 - LA BACCHETTINA DI SPIRITELLO. Storia per ragazzi
Milano 1950
 

Si riporta poi che il Sartori fu nominato, dopo la II^ G.M., direttore del “Corriere dei Piccoli”, diventato “Giornale dei Piccoli”.

Dall’età (58 anni) del personaggio della 4^ strofetta (Osvaldo Dall’Asta “Marzer”, nato nel 1872), ho potuto risalire alla data del componimento, cioè 1930. Lo stesso risulta stampato dalla Tipografia Tiziano di Pieve di Cadore.

Ripropongo le strofette su questo Blog, sperando, ripetendo quanto detto dal Sartori, di divertire e di far sorridere i miei compaesani.

Venas, 28/10/2017

Giancarlo (Carlo) Soravia




     Xe Venas, i m' ha dito, un paese
Che la gente xe molto cortese
Sono lieto di esser venuto
Ed a tutti ghe mando un saluto
Divertire, mi spero, 'sta gente
Per vederla un pochin sorridente
A Milano, Belluno e Treviso
Ho savudo strappar un sorriso.

     El xe belo, el xe fato con stile
E slanciato el xe el campanile
Che ga fato quel caro sior Nane
E che costa sì tante banane
Le campane, sull' onde del vento
Manda il suon per qualsiasi evento
Ma le recie de Nane xe stanche
E non 'l sente sonar le palanche.

     Ghe xe Marco distinto signore
El di crack è un gran giocatore
I l’ ha visto nei balli e veglioni
Un assiduo de quei proprio boni.
E nei balli la temperatura
La xe alta, e un' infreddatura
Nel sortir pol ciaparte de botto
Ma sior Marco, el ga sempre el cappotto.

     Son sonati di già i cinquant' otto
Ma lo stesso lui fa il zerbinotto
El va in giro con modi eleganti
Crin scoperto, le mani coi guanti
Profumato, rasato il suo viso,
Nel parlare gentil, ma conciso
Egli è ancora un gran seduttore
E all' occhiello c' ha sempre un bel fiore.

     Dalla voce del sangue attirado
In Polonia lu el ga commerciado
El ga fato un bel mucio de schei
Imbroiando perfino i ebrei
Mezzo sol, per un metro el ghe dava
E nessuno con lu, protestava
No ‘l xe certo de sangue plebeo
El discende da Bepi l' ebreo.

     Roma è grande, magnifica, eterna
Xe, del mondo la viva lanterna
Che la spande una luce de gloria
Venti secoli ga la sua storia
Ma a Venas qua, ghe xe n' altra Roma
Gnanche quela, mai vinta, mai doma
Dixe Tita - no copo mai gnente
La mea Roma xe cagna potente.

     Anche Tita, nonchè caleghero
Che po' infine, no ‘l fa sto mestiero
Sempre pien de buonissimo umore
Avvocato e procuratore
Lui a tutti el ghe dà dei servizi
Sempre in giro per tutti 'sti uffizi
Mi no so, se 'sta roba ghe scotta
I lo calcola come Cellotta.

     Tutto nero al lavor, faccia losca
Co xe allegro el ve canta la Tosca
EI polastro ghe piase, el xe fino
Ghe da su qualche ombretta de vino
Simpatizza per gli aviatori
Che su in alto i porta i lor cuori
E co ‘l xe invitado a una zena
Lu no ‘l fa che zigar - Maddalena !

     I mestieri el ve fa a prima vista,
El fa el medico, el fabbro, el dentista
Il botanico ed il battirame
Il meccanico ed il falegname
In montura el se mette, da Calvi
E malà, son sicur che 'l se salvi
El se fa l’ insalata con l' olio
La benzina, la grapa, el petrolio.

     La Vespei, la bell' auto da corsa
No i la ferma né freni, né morsa
La xe carga de tuti i strumenti
Moglie, figli, amici, assistenti
Al volante vedi sior Arturo
L' occhio svelto ed il polso sicuro
Ma però una volta era assorto
E i xe andadi a sfiorar Lago morto.

     Camerier, ma no xe 'l suo mestiere,
Le sue frasi xe alte, xe fiere
Profondissimo in ogni materia
Parla ben, la sua faccia xe seria
Fotogenico, grande oratore,
Nei discorsi ci mette l' ardore
Mai cilecca non fa nel parlare
A Losanna lo voglion chiamare.

     Se volete un espresso ristretto
Andé tutti all' Albergo al Borghetto
O liquori, o bonissimi vini
Tuti quanti de marca, assai fini
Là incontré dei bei visi sinceri
I paroni, nonché i gelatieri
E ve serve, gentil nella posa
Paron Titta, oppur sora Rosa.

     Che sorveglia le nostre foreste
Ghe xe un’ ottima guardia campestre
Pien de voia e de gran competenza
Quel Sior Tita el gaveva pazienza
L' é un bel tipo, el xe scapolo ancora
Chissà, forse, qualcuna innamora
El xe un omo che ga gran coraio
E ‘l dà prova co 'l fa qualche taio.

     Sisto, Tita e Berto e Sandríno
Con Eugenio ed anche con Tino
Certe sere per economia
Quando dorme paron Soravia
Tira, mola, i fa tanta fadiga
Questo è duro, xe bon questo i ziga
I deventa sudai, tuti rossi
Cossa fali ? I magna dei ossi.

     La ghe gera de casa scappada
E la Ita, oh, che disperada,
La gaveva un gran brutto pensiero
La voleva svelarne el mistero
Il paese fu tutto a rumore
La cercavan con l' ansia nel cuore
Finalmente fu Tama trovata
La cagnetta sì bella, adorata.

     Mi narraron che Titta Palazzo
A vent' anni, quand' era ragazzo
Quando andava dalla fidanzata
Avea fatto una bella trovata
S' era preso un grosso toscano
L'accendeva ogni tanto, ma invano
Ga durà tutto intero un inverno
Lo bagnava; era il zigaro eterno.

     Certo occorrono molti istrumenti
Pompe, maniche, getti potenti
Per poder qualche incendio domare
Scale, accette, picconi, chitare
Dago mi 'sta notizia preclara
Che i pompieri qua i ga la fanfara
Se i gavesse le maneghe rote
Lori i smorza el bracin con le note.

     Gh' é a Venas 6 fradei tutti sani
Che sposarse i potria pur domani
Ma no i varda nessuna ragazza
Dei dintorni o qua della piazza
E le vece le fa dei commenti
I va fora a sposarse, stì attenti !
Lori i fa quel che i vol, molli molli
Questo qua xe el sestetto dei Colli.

     D' Allemagna vignù el xe in carrozza
Con la borsa più dura più grossa
Con a fianco la sua Regina
Arrivà el xe a Venas de mattina
Tutti quanti vardava sorpresi
Ora el compra per tutti i paesi
Papadopoli i lo ciama 'sta gente
Forse Toni el xe qua che ‘l me sente.

     El xe grasso, quel caro sior Nazio
Ma gentile col suo gran tripazio
Una volta, per fare una festa
Per ballar la sua sala i ga chiesta
La risposta vi prego ascoltare -
Vi do la sala, ma non state a petare
Se petate allor toma do el siolo
E a pianterra finimo de volo.

     El xe alto un pochin anche massa
Se no 'l sposa lu el paga la tassa
Per le man l' avaria una tosa
Però che la fa la ritrosa
El se veste abbastanza elegante
E po el gira là sempre davante
Ma in amore no ‘l xe fortunato
Questo ex artigliere Renato.

     Xe simpatico, el xe un caro ometo
Mi ve parlo de Sandro Boneto
Qualche volta che ‘l fa la cagnara
El se sfoga a cantar montanara
Come sempre se 'l vol un bon primo
El ricorre al cognato sior Tino
E co ‘l canta el par proprio un astro
Ma ghe vo che ghe sia Genio Pastro.

     Ghe xe el legno dei caligheri
I me l’ ha raccontà proprio ieri
Là i fa sempre una grande riunione
E se ferma diverse persone.
Tino Zotto el conta del gatto
E del can che aiutanti i ga fatto
E l'à passà per tutte le bocche
Che i ghe aiuta a cavar su le zocche.

     Xe Checchin che nol vol troppi affani
El discorre de più con le mani
Po Angelin che con modi assai fieri
L’organizza el coro pompieri
Po xe Nazio che fa el presidente
Sora tutti ogni tanto se ‘l sente
Nello Ettore no specifica el caso
Ma per tutto el ficca el so naso.

     Tino e Genio, famosi cantori
I abbellisce e i dà forza nei cori
Con la voce tonante potente
Trema i muri, e i scuote la gente
Quando i canta una messa famosa
La lor voce la xe silenziosa
E co i altri ha finì la cantada
Amen ! i ziga, e xe 'na cannonada.

     L' ha molà per la riproduzione
El ga fato raccomandazione
Alle lepri quel caro sior Checco
Che a cacciar no ‘l ga mai visto un becco
Vardi bene de moltiplicarve
E un altr' anno co vegno a zercarve
Presenteve, e steme fermade
O consumo sei sett sciopetade.

     El xe un toso galante e cortese
E un perfetto nuovajorkese
Molti anni al Perù egli è stato
Buon ricordo laggiù ha lasciato
Ora qua l’ ha volù ritirarse
Perchè ‘l vol a Venas spolesarse
El se inzegna, el fa un poco de tuto
Questo xe Giacomin Toscanuto.

     Specialista per el scarabocio
Ma no 'l vince se no i ghe fa l' ocio
El disturba dovunque la quiete
Oh, che batola quando el se mete
No ‘l xe miga cativo quel toso
Ma dell' oky un grande tifoso
Dappertutto el mett la pezzetta
Quel grand' asso è Arturo Faetta.

     Ghe xe Gigi un buon suonatore
Si dà al suon con grandissimo ardore
Lui vi suona chitarra o violino
La cornetta od il mandolino
Quando suona s’infoca nel viso
Vede gli angeli del paradiso
Lui vi trova se pure sia scuro
il bemolle ed anche il beduro.

     Pei morosi el ghe fa le poesie
Con bon estro, ben fatte, finìe
Giovanotto studioso, costante
El xe pur segretario galante
Dappertutto el se ficca el se mete
Segretario el xe anche del prete
E per dirvela qua proprio s’ceta
Xe l' Amelio ‘sto grande poeta

     Con la bionda la rossa la bruna
A ciel buio, od al chiaro di luna
Lui va in giro a cercar l' avventura
Don Giovanni el xe per natura
El xe ricco, educato, istruito
Chissà quante lo vol per marito
Ma za a diese el ga fato el congedo
Certe al caldo, e certe po' al fredo.

     El leon xe animal spaventoso
Ma de cuore assai generoso
Cussì xe el sior Toni fornero
Che 'l ve sembra terribile e fiero
L' alza el brazzo, el minaccia 'na sberla
E quell' altro za el crede d' averla
Lu el domanda però - Ghe la mole ?
No, l' é meio che no ghe la mole.

     Me sentiva un pochin de languore
Domandà go un consiglio al dottore
El m' ha dito - Per farse coraggio
Mangi sempre un po' di formaggio
Ma a Venas le vo' dare un consiglio
Come un padre può dare ad un figlio
Di formaggio ne mangi un pezzetto
Ma domandi - di quel del bacchetto.

     Se a Venas ghe saltasse la bile
De spartirse 'sto bel campanile
Ogni uno n' avria un pezzettino
Da Suppiane infin a Violino
Uno solo, un vecchio severo
Non potrebbe pretendere un zero
A chi allude, dirè Facanapa ?
Chi indovina ghe pago la sgnapa.

     Come mai farà certi a Suppiane
Quando il corpo ha le voglie un po' strane
Son sprovvisti di N' 100
E a cantar lori i va contro el vento
Poveretti purtroppo d’inverno
Lori i soffre le pene d' inferno
Ma ‘l comun no vol esser avaro
Progettà el ga de farghe un chegaro.

     Lu proverbi el dìs su tutto l’anno
Se son rose, ebben fioriranno
Ogni tanto con voce assai forte
Egli grida - O Roma o la morte
El xe sior no 'l xe mai in bolletta
El va matto per la palanchetta
Al sentir questa mia gran tirada
Bócia, bócia, el dirà, mal lavada.

     Soddisfai xe restà proprio tutti
A veder lavorar Lia de Putti
A Calalzo zo al Cine Savoia
De basarla i avria 'na gran voia
Un ga dito, per ela el daria
Tuta quanta la sua pistoria
Daria Osvaldo la mussa, quel bocia
E Gigin ciaparia ‘na gran doccia.

     El gaveva un bel useleto
Ammaestrado, ma come un cagneto
Se la porta el ga dito, tal' ora
Mi ghe verzo, no 'l vien gnanche fora
E difatti el ghe verze e un gran volo
Gà spiccà el cardellin verso il polo
Xe restà senza uselo la gabbia
E l' Amelio moriva de rabia.